Il pepe, un alimento antico e prezioso

Oggi pensiamo al pepe come ad una spezia comune per insaporire i cibi. Viene spesso messo a disposizione in tavola, di fianco al sale, per chi vuole dare un po’ di brio ad un piatto magari non troppo emozionante. Sappiamo che esistono diversi tipi di pepe, spesso li identifichiamo semplicemente dal loro colore.

Ma forse non tutti conoscono la storia antichissima del pepe, le sue numerose varietà e proprietà.

Il pepe nero mamma natura

 

La storia del pepe

La storia del pepe

Il pepe è protagonista nella cucina dell’uomo fino dalla preistoria, quando veniva utilizzato lungo le coste dell’India. L’impero Romano ne importava enormi quantità, in Grecia era un bene accessibile ai soli ricchi. Nella storia, infatti, il pepe è sempre stato considerato un elemento prezioso, per la sua rarità, per la  capacità di essere conservato nel tempo, per i benefici reali (e presunti) che gli venivano attribuiti.

 

 

Il pepe nero di Tasmania

 

Pepe nero di tasmaniaMamma Natura propone una ricca selezione di spezie.

Tra queste, particolarmente raro e pregiato, è il pepe nero di Tasmania.

Originario dell’omonimo arcipelago, è diffuso in tutta l’Australia, dove viene aggiunto ai piatti locali. In Giappone viene utilizzato per la preparazione del wasabi.

Appena in bocca ha un sapore dolce, a cui segue un aroma intenso e di carattere deciso. E’ perfetto per essere macinato sui piatti di carne rossa, ottimo sulle melanzane, nelle marinature, per aromatizzare l’olio.

La bacca è delicata e può essere pestata per insaporire pane, patè e formaggi. I cuochi più esperti e gli amanti dei dettagli utilizzano il pepe nero di Tasmania nei dolci di cioccolato, nel gelati e nelle bevande calde a base di caffè e cioccolata.

E’ un prodotto raro, poco diffuso, che vi invitiamo a scoprire! Venite a trovarci!